Uno spray per smettere di fumare: la mia esperienza

smettere di fumare

Smettere di fumare subito non è mai stato tanto importante come in questo momento, ma molti sembrano non averlo ancora compreso perfettamente. Il fumo è sempre da ritenersi nocivo e dannoso per il nostro organismo (tanto da arrivare a causare ogni giorno la morte di decine di migliaia di persone) ma questo lo sapevamo già. Beh ti avviso che oggi è diventato ancora più pericoloso, data l’emergenza attuale che ben conosciamo tutti.

Perché oggi fumare è molto più rischioso:

  • Fumare indebolisce sensibilmente i polmoni e le difese immunitarie, creando complicazioni in caso di contagio da virus polmonari anche in soggetti sani che altrimenti avrebbero avuto più probabilità di risentirne in modo meno grave
  • Uscire di casa periodicamente per andare dal tabaccaio a comprare le sigarette (o al distributore automatico, vero ricettacolo di infezioni) aumenta la possibilità di rischio
  • Rimanendo chiusi in casa senza niente da fare, i fumatori fumano di più. E questo aumenta sia i costi del vizio del fumo, sia l’insalubrità dell’aria casalinga, dei tessuti, degli arredi
  • In questo momento le entrate di molti di noi sono calate e la spesa quotidiana per le sigarette incide troppo fortemente su un budget familiare già ridotto
  • Con la mascherina indosso non è possibile fumare, e quindi i fumatori tendono a scostarla per liberare la bocca, esponendosi così al contagio in modo drammaticamente più elevato

Un’opportunità per smettere di fumare:

Non scrivo questi punti con l’intento di spaventarti o di fare il menagramo, anzi. Le crisi generano opportunità diceva qualcuno, e se non altro abbiamo ora la possibilità di essere costretti a trovare una soluzione per smettere di fumare, affrontando una debolezza che magari ci perseguita da molti anni.

Io ho fumato circa due pacchetti al giorno da trent’anni. Questo equivale a una spesa media di 11 euro al giorno, che moltiplicati per un mese fanno 330 euro mensili. Se prendete la calcolatrice, siamo a circa 4000 euro annui che…vanno in fumo! Sei davvero sicuro di poter bruciare 4000 euro ogni anno per le sigarette? Pensaci, in 20 o 25 anni ti saresti potuto comprare una casetta e avere una rendita sicura per te e la tua famiglia.

Avevo provato a smettere senza successo

Non ti nascondo che ho provato anche a utilizzare la sigaretta elettronica per liberarmi dal fumo e per un po’ ci sono riuscito ma se sei un fumatore sai bene che svapare non è per niente come fumare. Al primo momento di crisi, ritornerai a prendere in mano una “paglia” e oltretutto la dipendenza da sigaretta elettronica, fidati, è persino più elevata da quella delle sigarette normali. Questo perché non hai limiti e stai tutto il giorno a produrre nuvole di fumo, quindi non sei più capace di rimanere neanche un minuto senza avere in mano l’oggetto della tua dipendenza psicologica. Il rischio (e se hai già provato lo sai) è quello di trovarsi contemporaneamente a fumare sia sigarette che sigarette elettronica, con il doppio della spesa di prima!

Come ho fatto a smettere di fumare

Abbandonare le sigarette da un giorno all’altro senza nessun aiuto alternativo è impossibile per un grande fumatore, fattene una ragione.

Ci può riuscire solo chi è finito in ospedale e ha avuto un divieto assoluto da parte dei medici, ma dobbiamo cercare di non arrivare a quel punto di non ritorno.

Un giorno, armato di grande determinazione a non volermi più espormi ai rischi che ho menzionato prima (unita alla necessità di ridurre le spese), finito il mio ultimo pacchetto ho iniziato a usare uno spray per smettere di fumare.

Mi raccomando, non comprare spray che contengono nicotina, perché non ti aiuteranno a superare la tua dipendenza ma solo a deviarla su un altro “oggetto”.

Il primo giorno che ti troverai senza spray in mano, correrai a comprare un pacchetto di sigarette vanificando tutti i tuoi sforzi in un attimo.

Avevo letto ottime recensioni dello spray NoSmoke e ho deciso di fare un tentativo, anche perché il suo costo mi è parso decisamente accessibile.

I suoi ingredienti sono naturali: zenzero, guaranà, menta, griffonia, e questo è stato fondamentale per la mia scelta, proprio perché non volevo intossicarmi con prodotti contenenti medicinali o come ho detto prima, altra nicotina.

Le sue proprietà depurative, toniche e stimolanti mi hanno colpito sin dalla prima inalazione. Oltretutto il sapore rinfrescante della menta mi ha reso sin da subito inconcepibile tornare di nuovo a fumare, e a riacquistare quell’odiosa puzza di tabacco in bocca, sulla barba, sui vestiti, in casa.

Con grande forza di volontà (senza di quella è impossibile fare qualsiasi tentativo di smettere) e finalmente consapevole della necessità di togliermi il vizio di fumare, questo spray è stato di grande aiuto perché ogni volta che avvertivo l’esigenza di aspirare una sigaretta, lo inalavo e mi sentivo subito più calmo, meno ansioso e più motivato a perseguire l’obiettivo.

I benefici li ho avvertiti da subito, ma solo dopo un paio di settimane ho cominciato a sentirmi davvero “fuori pericolo”, e ora sono sei mesi che non fumo e non penso minimamente di tornare a farlo.

Ho una capacità polmonare che non avevo neanche a 30 anni, il respiro affannoso è solo un ricordo, e soprattutto finalmente la mia casa profuma di pulito e non sembra un portacenere gigante.

Inoltre, anche il mio umore e la capacità di concentrazione sono aumentati tantissimo, perché tabacco e nicotina creano un meccanismo di dipendenza fortissimo e ansiogeno che rende impossibile avere la testa sgombra e vera lucidità di pensiero.

Uno spray è stato quindi capace di aiutarmi a smettere, non lo avrei mai creduto prima, ma oggi posso dire che NoSmoke è stato decisivo per il successo della mia impresa personale e che quel piccolo investimento di soli 49 euro ora mi sta facendo risparmiare 4000 euro all’anno, per ogni anno della mia vita.

Autore dell'articolo: Salute e Benessere